Validazione e verifica prestazionale dei metodi nel laboratorio microbiologico

Si devono “validare” tutti i metodi?

Ha un senso l’approccio “chimico” (scarto tipo di ripetibilità, ecc.) alla verifica di prestazione dei metodi microbiologici?